Serata presentazione programma Invernale 2022

Come in molti hanno potuto vedere, dopo una lunga e faticosa sosta, abbiamo ripreso le nostre attività legate alla montagna.

Torniamo quindi anche in una serata pubblica per presentare il nuovo programma invernale 2021/2022. Nella serata del 19 novembre alle ore 21,00, oltre alla tradizionale presentazione delle escursioni e del corso di sci, avremo il piacere di avere con noi Davide Chiesa che ci proporrà il suo film “FINO ALLA FINE DELL’EVEREST“.

La serata sarà presso la sala conferenze della biblioteca di Bollate, piazza della chiesa 30.

Ricordiamo che per l’accesso all’evento è obbligatorio il GreenPass e l’uso della mascherina.

Le CAI Woman e i CAI Men

SKI SPIRIT

Sciare lontani dalle piste, lontani dai caroselli degli impianti con la loro confusione, la musica ad alto volume, i riti e i ritmi della città portati forzatamente in montagna.

Fare Freeride, Scialpinismo classico o tour di più giorni, Telemark, il più antico dei sistemi per scivolare sulla neve: questo è lo Ski Spirit.

Ma lo Ski Spirit non è solo questo, una parola per definire dei modi di sciare; è qualcosa di più, è un’idea di come vivere la montagna e non solo quella invernale.

Il poco tempo e il “lavoro tiranno”, d’inverno costringono ad accontentarsi dell’uscita settimanale, se il meteo e le condizioni lo permettono; è per questo che ogni volta cerco di salire una nuova montagna, per vedere e scoprire qualcosa di diverso, avere una piccola “avventura“.

Si può avere un’avventura anche senza compiere un’impresa rischiosa, ma solamente entrando in un territorio sconosciuto e lentamente scoprirlo, dal latino adventura: cose che avverranno. Lasciando che la mente sia libera, concentrata solo sulla natura che ci circonda, ascoltando il suo silenzio, un silenzio fatto di tanti piccoli suoni che non sono rumori ma musica e cercando di immaginare quello che troverai fra poco, dopo il dosso oppure oltre la prossima cresta.

Per cui continuiamo ad andare, qualche volta un po’ delusi, quando la neve ci fa fare fatica e contenti come bambini che scartano un dono quando troviamo la powder.

D’altronde, come ha scritto Hans GmoserUn uomo dovrebbe avere le ali per portarlo dove vanno i suoi sogni, ma talvolta un paio di sci, sono un buon sostituto”.

Una domenica da skialper

Domenica mattina, ore 4.30, suona la sveglia…. Certo che, se mi fosse piaciuto qualche altro sport, che so, giocare a pallone, di sicuro non mi sarei dovuto alzare quando molti altri stanno andando a dormire!

Lo zaino è pronto, le pelli di foca montate, se non prepari tutto la sera prima finisce sempre che dimentichi qualcosa.

Intanto che scalda l’acqua per il tè mi vesto, metto subito anche l’ARTVA: meno cose hai da fare alla partenza meglio è. Fatta colazione, esco per trovarmi con il resto della compagnia.

E inizia il viaggio verso le montagne. Lungo la strada, come sempre, si parla della meta della giornata, ponendosi interrogativi sulle condizioni. Certo la gita la si prepara a casa, guardando i bollettini e se l’itinerario è nuovo, cercando di memorizzarlo “leggendo” la cartina, andando su internet o su una guida cartacea che è sicuramente la cosa migliore. Ma poi, tutto questo, lo devi verificare quando giungi sul posto.

Sosta caffè, sai già dove fermarti: sono i bar di “quelli con le pelli” o con le ciaspole; per i “pistaioli” è ancora presto. Ogni tanto capita anche di vedere facce conosciute perchè siamo come una tribù. Dai… veloci… che il sole mangia le ore.

Arrivati, si parcheggia: fa freddo, anche il freddo purtroppo non è più quello di una volta e per lo scialpinismo non è certo un bene. Ok tutti pronti, si incomincia, dai che sarà una bella giornata!

La neve… è bellissima la neve, bianca, rilucente sotto i primi tiepidi raggi del sole, come la tela di un quadro dove poter esprimere la fantasia, i lunghi o brevi geometrici zigzag della salita e le sinuose curve della discesa.

Affrontando con la neve la stessa montagna, sarà sempre come salirla per la prima volta, perché le condizioni e le emozioni non saranno mai le stesse.